Local eCommerce: come combattere la crisi in tempo di Coronavirus

Oggi voglio parlare di Local ecommerce e rivolgermi a tutti gli imprenditori che hanno un negozio, in questo periodo chiuso, in quanto interessati dalla crisi del coronavirus, coloro che hanno attività locali e vivono con l’ingresso di clienti che comprano i loro prodotti.

Queste attività per loro natura hanno un’elevata propensione alla crisi, basta poco per non vedere più un cliente che comprava quotidianamente. Se con il senno di poi, pensiamo all’arrivo di pandemie, come il Coronavirus, allora la conclusione è la chiusura immediata.

Sono i negozianti con cui tutti abbiamo quotidianamente a che fare, quando compriamo il pane, ci sfamano a pranzo o cena, ripariamo l’auto o la moto, curiamo il nostro corpo o scegliamo i nostri nuovi abiti, ma anche dove compriamo i farmaci e molto altro ancora. Sono il tessuto commerciale di quartieri e città.

Nell’era della Trasformazione Digitale, dove migliaia sono le aziende globalizzate e digital native, in un era dove si vuole correre a doppia velocità, dove si sceglie sempre di più l’acquisto online, ma anche frequentare centri commerciali, in questa visione consumistica della nostra società, sono sicuro che un trend in atto forte si affermerà nei prossimi mesi, e si consoliderà nel nostro futuro, quello del Local Ecommerce.

Quando ho intrapreso la strada della conoscenza e del funzionamento di internet, erano gli inizi degli anni 2000, anche in quel periodo si pensava che non si sarebbero venduti più libri di carta, oppure che nessuno avrebbe mai comprato un jeans online ed anche che nessuno avrebbe mai acquistato un pacco di pasta online. Ma così non è stato.

In questi ultimi 20 anni abbiamo toccato con mano che un business funziona quando intorno ad esso costruisci un rapporto forte con il tuo pubblico. Se ogni piccolo imprenditore soddisfa un bisogno per la propria comunità allora troverà sempre un pubblico a cui comunicare con determinazione e forza la sua visione.

In questo momento dove la crisi si è insinuata nel tessuto sociale, politico ed economico, per queste piccole realtà ci sono due strade da prendere: la prima, la più semplice è chiudere! La chiusura vi permette di liberarvi immediatamente di tutto quello che avete lasciato in sospeso. Potrete ricominciare da zero, resettare e riavviare le macchine. La seconda è quella invece più in salita, corciarsi le maniche ed iniziare a raccogliere i pezzi rotti ed ritornare ad aprire il vostro negozio, ristorante, officina, salone o boutique, seguendo una strategia di Local ecommerce dedicata e personalizzata.

La storia ci insegna a combattere per quello che crediamo, trovare la soluzione adatta al momento che ci permetta di affrontare la tempesta e uscirne vivi. Questo è il momento in cui puoi fare la differenza, puoi cambiare e migliorare.

Ricordati che per uscire dalla crisi non puoi partire con un atteggiamento negativo. Ecco perché ho voluto descriverti per punti quello che secondo me è la ricetta per ritornare alla quotidianità più forte di prima, con un business vincente ed in forte crescita.

Adegua il tuo sito web con un catalogo prodotti

Sicuramente in questi anni hai realizzato un Sito Web, e sicuramente non sai cosa farci. Hai pensato che potevi arrivare a tutti, ma non riuscivi nemmeno a farlo vedere ai tuoi vicini. Oggi più che mai questo è il tuo canale di comunicazione, dove puoi creare un legame forte con il tuo pubblico, se ancora non provvedi, fallo e muoviti, è finito il tempo delle scuse.

Al tuo sito web dovrai inserire un catalogo con i tuoi prodotti, dove classificherai la merce o i servizi che offri e potrai proporre la tua offerta al tuo target di riferimento. Ricordati però, sei italiano, non vendere schifezze, vendi solo il meglio, vendi solo made in Italy!

Attiva differenti sistemi di pagamento

Offri ai tuoi visitatori tante possibilità di pagamento, la prima è Paypal, ma anche soluzioni come Satispay, Sumup, Hype ed anche pagamento alla consegna o in negozio. Sono tante le soluzioni scegli quella che si adatta più a te e quella che preferisce il tuo pubblico. Prova a chiedere ai tuoi clienti come preferiscono pagare e lo scoprirai con il tempo.

Tieni costantemente aggiornato il tuo catalogo

Se non terrai aggiornato il tuo catalogo prodotti, allora fermati subito. Non perdere tempo, il catalogo deve avere prezzi, prodotti e quantità sempre aggiornati, non pensare che puoi dire al cliente che non hai avuto tempo di farlo. Lascia perdere, pensi ancora alla vecchia maniera ed il tempo di fare commercio per te è quasi finito.

Offri servizio di consegna a domicilio

Stiamo parlando di Local ecommerce e non di Vendere su Amazon, per questo dovrai offrire servizi oltre la mera vendita di prodotti, arriva nelle case, costruisci la fiducia dei tuoi clienti, aiuta chi ha difficoltà ad arrivare nel tuo negozio, le persone lo noteranno, lo apprezzeranno e non sceglieranno più di comprare in base al prezzo basso ma sulla base di un rapporto che stai costruendo con loro.

Introduci il salta coda per non far perdere tempo ai tuoi clienti

I tuoi clienti, sempre più spesso non hanno il tempo di attendere, fare la fila, pagare alla cassa, ecco perché se prepari la spesa, impacchetti tutto e quando arrivano devono solo ritirare, sarà un fattore determinante nella scelta dei loro fornitori. Non farli attendere, non pensare che il tuo tempo è più importante del loro solo perché ti hanno fatto il piacere di entrare nel tuo negozio. Lo sai che nessun cliente ti dirà mai che domani entrerà in un altro negozio.

Inserisci la possibilità di ordine telefonico

Si parlo di local ecommerce ma, è buona norma consultare un catalogo e chiamarti per ordinare tramite telefono. Non dimenticare coloro che hanno difficoltà ad accedere e consultare il tuo catalogo.

Organizza dei Momenti di interazione Sociale

Si hai capito bene, fai il panettiere? Sei un fruttivendolo? Non pensare che le persone vogliano da te solo comprare prodotti, prova a organizzare incontri, anche virtuali, tramite videoconferenza, dove spieghi come creare la migliore ricetta con le cime di rapa o come fare la focaccia in casa, vedrai che costruirai quello che nel marketing chiamiamo engagement. Un forte legame con il tuo pubblico lo crei offrendo loro, gratuitamente quello che tu conosci bene, trasferisci conoscenza ed anche se sei bravo solo a vendere prodotti, vedrai che imparerai a vendere te stesso ed anche a divertiti.

Conclusione

Ti ringrazio per essere arrivato alla fine di questo articolo sul Local ecommerce, che ho scritto solo dopo aver provato con mano la quarantena da coronavirus, si perché prima di questa crisi, non tanto per me, che opero ormai da oltre 15 anni nel settore del digital marketing, ho passato momenti peggiori, anzi questo virus ha accelerato i miei clienti ecommerce, coloro che già vendevano online oggi vendono molto di più.

Sono fermamente convinto che dopo questo momento si tornerà a dare valore ai piccoli negozi, a comprare prodotti di elevata qualità, tracciati da filiere ben definite, e sono fermamente convinto che il prossimo futuro per i consulenti come me sarà quello di accelerare i servizi digitali per le attività locali, in modo da trasformare una crisi in un vantaggio competitivo per le aziende ed anche un bisogno per il pubblico che non andrà più ai centri commerciali ma preferirà il chiosco sotto casa con cui instaurare un rapporto di dialogo costante, di fiducia e di amicizia.

Dai valore alla tua attività investi nel digitale! Se vuoi farti aiutare in questo processo di Digital Trasformation, allora non esitare a contattarmi.



Autore: Antonio Giannella
Esperto in attività di Web Marketing, nello specifico attività di SEO e Search Advertising. Partner di Google in Italia. Consulente SEO per Ecommerce, lavoro dal 2006 con importanti aziende che operano online nei settori: Arredamento, Viaggi, Editoria, Politica, Trading, Salute, Stampa, Moda, Ho.re.ca.

Lascia un commento